Le nuove disposizioni della Banca d’Italia (24/03/2020) per la conservazione e messa a disposizione di documenti, dati ed informazioni nel contrasto al riciclaggio ed al finanziamento del terrorismo

No comments

In data 24 marzo 2020, la Banca d’Italia ha emanato nuove disposizioni in materia di conservazione e messa a disposizione di documenti, dati ed informazioni per il contrasto del riciclaggio e del finanziamento del terrorismo volto a garantire la massima uniformità.

Le nuove disposizioni, in attuazione delle modifiche al Decreto Antiriciclaggio (d.lgs. 231/2007) intervenute mediante i decreti legislativi 90/2017 (recepimento IV direttiva europea) e 125/2019 (recepimento V direttiva europea), sono da attuare entro il 31 dicembre 2020 e sono destinate (come da articolo 1) a:

  • Le banche;
  • Le società di intermediazione mobiliare (SIM);
  • Le società di gestione del risparmio (SGR);
  • Le società di investimento a capitale variabile (SICAV);
  • Le società di investimento a capitale fisso, mobiliare e immobiliare (SICAF);
  • Gli intermediari iscritti nell’albo previsto dall’articolo 106 del TUB;
  • Gli istituti di moneta elettronica;
  • Gli istituti di pagamento;
  • Le succursali insediate in Italia di intermediari bancari e finanziari aventi sede legale e amministrazione centrale in un altro paese comunitario o in un paese terzo;
  • Le banche, gli istituti di pagamento e gli istituti di moneta elettronica aventi sede legale e amministrazione centrale in un altro paese comunitario tenuti a designare un punto di contatto centrale in Italia ai sensi dell’articolo 43, comma 3, del decreto antiriciclaggio;
  • Le società fiduciarie iscritte nell’albo previsto ai sensi dell’articolo 106 del TUB;
  • I confidi;
  • I soggetti eroganti micro-credito, ai sensi dell’articolo 111 del TUB;
  • Poste Italiane S.p.A., per l’attività di bancoposta;
  • Cassa Depositi e Prestiti S.p.A.

Secondo quanto riportato nell’Articolo 3 delle nuove disposizioni della Banca d’Italia, i destinatari, oltre ad avere il compito di conservare “copia dei documenti acquisiti in occasione dell’adeguata verifica del cliente, dell’esecutore e del titolare effettivo”, hanno l’obbligo di conservare le seguenti informazioni riguardanti tutti i rapporti continuativi ed ogni tipo di operazione, comprese le occasionali:

  • il punto operativo di instaurazione del rapporto continuativo e la relativa data di instaurazione oltre a quella di chiusura;
  • gli identificativi di cliente, titolare effettivo ed esecutore;
  • il mezzo di pagamento, la data, l’importo, il segno e la causale dell’operazione;

Il fine, ovviamente, è quello di rendere disponibili tutti i dati e tutte le informazioni per la ricostruibilità dell’operatività della clientela e agevolare le funzioni di controllo e di indagine da parte della Banca d’Italia, dell’Unità di Informazione Finanziaria per l’Italia (UIF) e delle altre autorità competenti per il contrasto delle attività illecite e del finanziamento del terrorismo.

Stabilito che ciascun destinatario ha la facoltà di individuare il proprio sistema di conservazione informatizzato e che i criteri mutano a seconda del tipo dei rapporti e dell’importo delle operazioni, nell’Articolo 4 delle nuove disposizioni della Banca d’Italia sono esplicati i principi da rispettare:

  • Accessibilità completa e tempestiva ai documenti, ai dati e alle informazioni da parte della Banca d’Italia, della UIF o di altra autorità competente;
  • Acquisizione tempestiva, da parte dei destinatari, dei documenti, dei dati e delle informazioni, con indicazione della relativa data (comunque non oltre il trentesimo giorno dall’instaurazione o chiusura o variazione del rapporto continuativo e dall’esecuzione dell’operazione);
  • Integrità dei documenti, dei dati e delle informazioni e la non alterabilità dei medesimi successivamente alla loro acquisizione;
  • Adozione di idonee misure finalizzate a prevenire qualsiasi perdita dei documenti, dei dati e delle informazioni;
  • Trasparenza, completezza e chiarezza dei documenti, dei dati e delle informazioni nonché il mantenimento della storicità dei medesimi.

Similmente a quanto previsto dal Codice Civile, nell’articolo 2220, sulla conservazione dei documenti contabili e fiscali ed in linea con il Decreto Antiriciclaggio, le disposizioni della Banca d’Italia del 24/03/2020 obbligano alla messa a disposizione (art. 6) e quindi alla relativa conservazione delle informazioni per i 10 anni successivi alla chiusura del rapporto o al compimento dell’operazione.

AmministrazioneLe nuove disposizioni della Banca d’Italia (24/03/2020) per la conservazione e messa a disposizione di documenti, dati ed informazioni nel contrasto al riciclaggio ed al finanziamento del terrorismo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.